Viale Vittorio Veneto, 16 - CAP 41016
TEL. + 39 059 6789111 FAX + 39 059 6789290
P.I. e Codice Fiscale 00224020362

Al Sindaco di Novi il Premio Associazione Abitanti Centro Storico di Roma, alla 14° edizione -  (14/12/2012)

Lo dedico ai Sindaci e a tutti i cittadini del cratere, non ancora presi nella dovuta considerazione dal Governo

Mercoledì 12 dicembre al Sindaco di Novi Luisa Turci è stato conferito il Premio AACS di Roma, insieme a Pietro Grasso, Procuratore Nazionale Antimafia, Fabiola Gianotti, fisico sperimantale al Cern di Ginevra e a Josef Gécz, professore di Neurogenetica. L’Associazione Abitanti Centro Storico di Roma, nata nel 1992, agisce a favore di una città più compatibile con le esigenze dei suoi abitanti. Il riconoscimento, al quale il Presidente Napolitano ha conferito una propria targa di rappresentanza, viene assegnato a persone e Istituzioni che, nel corso dell’anno, abbiano contribuito con azioni generose e coraggiose, alla diffusione della cultura della legalità e della trasparenza. Tale Premio a Luisa Turci è stato conferito per “essere il Sindaco di uno dei Comuni emiliani duramente colpiti dal terremoto, per essere stata voce di una comunità e al tempo stesso impulso alla volontà di rialzarsi per ricominciare, realizzando una perfetta sintonia e identità di intenti tra azione dell’Amministrazione e cittadini ricostruendo uniti, con fatica determinazione e coraggio, la normalità e la serenità del vivere quotidiano”.
Durante la consegna del Premio, alle domande dei giornalisti presenti, il Sindaco ha più volte ribadito che “l’Emilia è una regione virtuosa e che con gli aiuti necessari saprà rialzarsi, ma che, ad oggi, nonostante la caparbietà e la determinazione della Regione, manca ancora la dovuta presa in carico del Governo”. Di seguito il suo intervento:
«Questo Premio lo dedico ai miei colleghi Sindaci del cratere e a tutti i cittadini colpiti dal sisma di maggio. E’ un riconoscimento del tutto inaspettato e mi sto ancora chiedendo se me lo merito. Il nostro territorio ha subito una tragedia che non deve essere dimenticata da nessuno. I cittadini e le imprese dei nostri Comuni producono, da soli, il 2 per cento del Pil nazionale. Non abbiamo mai chiesto sconti o elemosine ma soltanto ciò che è nei nostri diritti. Mentre la nostra Regione ha fatto, sta facendo e farà di tutto per ottenere ciò che ci spetta, Il Governo non ha avuto la stessa sensibilità. Approfitto dell’occasione per ribadire che noi non siamo per nulla soddisfatti del trattamento che ci è stato riservato. L’80 per cento anziché il 100 per cento degli indennizzi, la sospensione di ogni tributo fino a novembre per poi chiederne il saldo completo a dicembre e l’accesso a finanziamenti garantiti dallo Stato a zero interessi soltanto per le aziende che hanno subito danni diretti, attraverso meccanismi tempestati di burocrazia, lo interpretiamo come uno schiaffo a un territorio che ha sempre dato tutto ciò che gli è stato chiesto, da sempre e per l’intero Paese. Noi Emiliani, come tanti altri Italiani, sappiamo rialzarci ma senza l’aiuto necessario continueremo a “volerci bene” e null’altro. Se oggi le entrate fiscali di questi territori valgono 6 miliardi di euro, tra un anno, senza il sostegno che ci è dovuto, ne varremo la metà se non meno. Ogni catastrofe naturale che ha sconvolto diverse zone d’Italia in passato è sempre stata considerata un problema da risolvere per l’Italia intera, come è giusto che sia. Il terremoto del 20 e del 29 maggio scorsi, ogni giorno che passa, sta diventando un affare solo emiliano. Questo non è più accettabile».

Pagamento Contributo di Autonoma Sistemazione -  (14/12/2012)

Il Comune di Novi di Modena sta provvedendo, in questi giorni, al pagamento del Contributo di Autonoma Sistemazione per il periodo di competenza che va dal mese di agosto a quello di novembre. Tale importante contributo coinvolge per il territorio novese oltre 1.000 nuclei familiari che potranno disporre delle somme versate attraverso il proprio conto corrente bancario oppure in contanti, previo ritiro di apposita comunicazione da presentare presso la Tesoreria Comunale.
La valuta del pagamento è, per chi possiede il conto presso UniCredit Banca, il 14 Dicembre mentre va al 17 dicembre per tutti coloro che hanno il conto presso altri Istituti di Credito. Per 95 nuclei familiari si sta provvedendo ad ulteriori verifiche e gli stessi potranno ritirare il contributo di competenza entro la fine della prossima settimana. “La liquidazione del CAS agosto\novembre entro Natale è un importante traguardo che ci eravamo posti nei mesi scorsi e che siamo felici di aver raggiunto” spiega il Sindaco Luisa Turci “Sappiamo bene quanto fosse importante, per le famiglie coinvolte nella tragedia del terremoto, aver un aiuto concreto per affrontare questo difficilissimo periodo. Il versamento del CAS, seppure con tutte le difficoltà che un nuovo procedimento di questa entità comporta, vuole essere una testimonianza dell’impegno concreto e profondo che la nostra Amministrazione, con al fianco i suoi dipendenti, ha attuato per cercare di dare un aiuto alle migliaia, ripeto migliaia, di persone in difficoltà. Capisco che la percezione del tempo da parte del comune cittadino non giochi a nostro favore - continua il Sindaco - perché a tutti sembra che da quel fatidico 29 maggio sia passata una vita ma volevo ricordare che in soli sette mesi, oltre alla definizione delle procedure per la richiesta e liquidazione del CAS con tutte le pratiche burocratiche ed i controlli che questo procedimento comporta, abbiamo messo in piedi due scuole, ultimati i lavori per la nuova palestra, predisposto i Moduli Abitativi Prefabbricati (che saranno consegnati nel mese di gennaio), gestiti tre campi tenda e circa un migliaio di persone appoggiate alle strutture alberghiere; senza contare altri interventi che, ad oggi sono in fase progettuale. Il tutto, dopo aver perso la totalità degli uffici comunali, partendo da un asilo nido dove all’inizio c’erano solo giochi e brandine”.

Programma delle Iniziative per Natale 2012 - (06/12/2012)

I sismi di maggio hanno messo l’Amministrazione Comunale, La Pro Loco e tutto il mondo associativo in genere nella necessità di rivedere le proprie attività e soprattutto le aeree in cui svolgere le relative iniziative” spiega l’Assessore alla Cultura Marina Rossi “Nonostante questo con inventiva, spirito di collaborazione e soprattutto grazie a nuovi spazi resi agibili o costruiti ex novo, come la Palestra Comunale e alle nuove associazioni nate a seguito degli eventi sismici, siamo in grado di poter offrire alla nostra cittadinanza un Natale ricco di iniziative e momenti culturali”.
Si inizia domenica 9 dicembre con le feste per l’inaugurazione della Scuola di Novi e per la Palestra Comunale a cui farà seguito lo spettacolo teatrale “Una botta di vita” della Compagnia “Anna & the Hospitalists” 
Domenica 16, presso il piazzale delle scuole di Novi, si terrà la festa di Natale per bambini “La strada incantata di Babbo Natale” che prevede spettacoli, installazioni luminose e stand gastronomici.
Si prosegue presso la Palestra Comunale lunedì 17 con il concerto “Gospel for Emilia” e venerdì 21 con il tradizionale “Concerto degli Auguri” del Coro delle Mondine.
Nel pomeriggio di sabato 22 dicembre a Rovereto e S. Antonio si terranno le feste di Natale con mercatino e canti a cura del Coro degli Alpini accompagnati da ricchi stand gastronomici. Nella stessa data alle 21.00 presso la Palestra Comunale si terrà il concerto natalizio della Filarmonica Novese “Una voce nel vento” per proseguire domenica 23 con i saggi degli allievi della suola di musica.Il programma si conclude in data 6 gennaio presso la Palestra dove si esibirà l’associazione “Aidoru” con i suoi carretti musicali a cura di Emilia Romagna Teatri.

Inaugurazione delle scuole nuove di Novi e Rovereto e Palestra Comunale -  (26/11/2012)

L’inaugurazione delle nuove strutture scolastiche di Rovereto e Novi avverrà rispettivamente nelle mattine di sabato 1 e domenica 9 dicembre. A Novi, con la scuola, sarà inaugurata anche la nuova Palestra Comunale già in fase di realizzazione prima dei sismi di maggio. Il taglio del nastro sarà effettuato dal Sindaco Luisa Turci alla presenza dell’Assessore Regionale alla Scuola, Formazione Professionale, Lavoro e Ricerca Patrizio Bianchi sia per Rovereto che per Novi, mentre il 9 dicembre testimonial dell’evento sarà il famoso musicista di origini novesi Beppe Carletti dei “Nomadi”.
Il Polo scolastico di Rovereto dispone di 725 mq riservati a 11 aule della Scuola Primaria, di 540 mq per 6 aule della Secondaria di primo grado con alcuni spazi aggiuntivi; mentre l’area del Polo di Novi corrisponde a 2388 mq di cui 1100 mq destinati alle 14 classi della Scuola Primaria, 862 mq destinati alle 9 aule della Secondaria, di 200 mq di refettorio e mq. 225 di portico di collegamento tra i due edifici.
La Nuova Palestra Comunale copre una superficie di mq. 1165 al piano terra oltre ad ulteriori mq. 290 al primo piano; nuova, elegante e versatile dispone di una sala adibita a spazio sportivo che accoglie diversi tipi di campi regolamentari: dal basket alla pallavolo, dal calcetto ad altre attività, mentre al primo piano è stato ricavato un secondo spazio sportivo, più contenuto, per l’attività di ginnastica e di fitness.
“Siamo veramente orgogliosi di procede nei prossimi giorni con queste inaugurazioni” spiega il Sindaco Luisa Turci “perché sono un segno tangibile di una difficile ma concreta ripresa: la Regione Emilia Romagna per le Scuole e la Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi per la Palestra, hanno reso possibile raggiungere un traguardo che, sei mesi fa, sembrava tanto lontano. L’istruzione, l’apprendimento, la socializzazione dei nostri alunni sono sempre stati un obiettivo primario, sia della Regione che di questa Amministrazione e l’aver costruito in meno di 2 mesi due poli scolastici contemporaneamente fa sì che queste intenzioni non siano solo parole ma fatti concreti, che abbiamo perseguito con tutte le nostre forze”.
“Il sisma ci ha infatti privato di tanti punti di riferimento” continua il Sindaco “lasciandoci con un centro storico gravemente lesionato, con numerosi edifici inagibili tra cui la sede di diverse associazioni di volontariato, dei Poliambulatori, del CUP, della Caserma dei Carabinieri, delle banche, della Posta, senza contare le sedi municipali di Novi e Rovereto, le sale civiche e le biblioteche. In una situazione così devastata, ripristinare luoghi di incontro istituzionali è utilissimo non solo per il valore educativo o sportivo che questi rappresentano, ma allo stesso tempo per dare ai cittadini la possibilità di ricostruirsi una nuova mappa del territorio e per tornare a sentirlo parte integrante della propria vita quotidiana”.

Il Paese di Novi di Modena vuole risorgere - (23/11/2012)

L’inaugurazione  delle nuove e strutture scolastiche di Rovereto e Novi avverranno il rispettivamente nelle mattine sabato 1 e domenica 9 dicembre. Nerllo stesso giorno, a Novi, sarà inaugurata anche la nuova palestra comunale “Monia Franciosi” già in fase di realizzazione prima dei sismi di maggio. Il taglio del nastro sarà effettuato dal Sindaco Luisa Turci alla presenza dell’Assessore Regionale alla Scuola, Formazione Professionale, Lavoro e Ricerca Patrizio Bianchi per Rovereto mentre a Novi sarà presente…….
Le nuova, elegante e versatile  struttura dispone di  3000mq spazio riservato agli uffici commerciali, di moderne sale riunioni, di graziosi uffici e attrezzatissimi laboratori tecnici oltre ad un ampio e selezionato deposito. Sono a disposizione adeguati supporti logistici e tecnico-scientifici per lo svolgimento di dibattiti, tavole rotonde, presentazione ed eventuali demo di apparecchiature e software.
Sabato 1° dicembre alle ore 10.30 si terrà l’inaugurazione delle A Rovereto s/S l’inaugurazione delle nuove scuole primarie e secondarie di 1° grado, sorte nell’Area del Centro sportivo, avrà luogo Sabato 1 dicembre 2012 alle ore 10,30 con la presenza dell’autorità e di quanti si sono adoperati affinché ciò avvenisse. 

A Novi capoluogo, sabato 9 dicembre 2012 alle ore 10 ci sarà l’inaugurazione della Palestro Comunale titolata a “MONIA FRANCIOSI” e realizzata con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi. E’ una palestra multistrutturale concepita come un palazzetto dello sport. A seguire la cerimonia proseguirà con la visita delle nuove scuole.

Novi di Modena è un paese della bassa modenese composto da Novi capoluogo e le frazioni di Rovereto s/S e Sant’Antonio in Mercadello.
Fa parte dei paesi che hanno subito i maggiori danni dal terremoto del 29 maggio 2012 in quanto epicentro di numerose e violente scosse.
Il centro storico è completamente distrutto e molta parte di esso è stato abbattuto o sarà da abbattere. Sono inagibili le sedi del Comune, della Biblioteca Comunale, dell’Avis, dell’Auser, i Poliambulatori dei medici di base, la Caserma dei Carabinieri, l’Ufficio postale, il Cup, moltissimi esercizi commerciali, fabbriche, e filiali bancarie e soprattutto e non certo ultime le scuole primarie e secondarie di primo grado ed in parte quelle dell’infanzia. Ancora oggi, a sei mesi dal sisma continuano ad essere abbattute delle case gravemente danneggiate ed irrecuperabili. La situazione descritta interessa l’intero territorio comunale con un grave disagio abitativo, sociale e relazionale.
La popolazione novese, con grande coraggio si è impegnata immediatamente costituendo delle associazioni di volontariato locale che hanno lavorato su più fronti. I volontari “del Campo Angelina” hanno collaborato con la protezione civile per la gestione del campo dove sono stati accolte le persone rimaste senza casa e si sono occupati della raccolta di fondi.
“Aiom…ballé a’basta” in collaborazione con l’Avis ha organizzato una vendita solidale il cui ricavato è stato destinato a favore delle scuole.
“Cinque…punto Novi” costituito in massima parte dai genitori degli alunni hanno fatto in modo di poter procedere all’acquisto delle lavagne “LIM”.
L’Auser, con i suoi volontari, si è impegnata, senza mai interrompere il servizio, ad aiutare le persone bisognose del trasporto e dell’accompagnamento presso le strutture ospedaliere, allestendo immediatamente un camper e collaborando con i medici di base.
“Il Mercadello” per organizzare attività di promozione sul territorio ed infine l’ONLUS “Tutti insieme a Rovereto e Sant’ Antonio per la raccolta fondi a favore delle scuole.
Da una ricognizione sugli edifici pubblici, oltre al Comune, le sedi scolastiche sono da abbattere e quindi, all’inizio dell’anno, gli alunni sono stati alloggiati in una tensostruttura in attesa che venissero costruiti i prefabbricati ed ora, con grande soddisfazione si potrà procedere all’inaugurazione degli stessi.
A Rovereto s/S l’inaugurazione delle nuove scuole primarie e secondarie di 1° grado, sorte nell’Area del Centro sportivo, avrà luogo Sabato 1 dicembre 2012 alle ore 10,30 con la presenza dell’autorità e di quanti si sono adoperati affinché ciò avvenisse.
A Novi capoluogo, sabato 9 dicembre 2012 alle ore 10 ci sarà l’inaugurazione della Palestro Comunale titolata a “MONIA FRANCIOSI” e realizzata con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi. E’ una palestra multistrutturale concepita come un palazzetto dello sport. A seguire la cerimonia proseguirà con la visita delle nuove scuole.
In entrambe le realtà sarà un momento di grande festa e di speranza per il futuro con la volontà che il “PAESE DI NOVI DI MODENA VUOLE RISORGERE”
Perché ciò avvenga è necessario che venga dato un adeguato risalto a quanto viene fatto e non cessi mai l’attenzione su un territorio che con pervicacia lotta per ottenere quanto il terremoto ha così drammaticamente distrutto.
E’ necessario che la stampa non solo locale, ma anche a livello nazionale, tenga alta l’attenzione anche su questo Comune e ne evidenzi i danni che sono stati notevolissimi e continuano a restare tali. Non mancano la stanchezza, i malumori, le critiche ed il senso di abbandono che pervade in modo palese la popolazione perché troppi sono i bisogni e poche le risorse economiche.
“AIOM….BALLE’ A’ BASTA” venite a vedere la realtà.....

Iniziative Pubbliche del Comune di Novi di Modena - (16/11/2012)

L’Amministrazione Comunale organizza due diversi momenti di confronto con i cittadini per fare il punto della situazione sull’emergenza post-sisma e sulla ricostruzione.
Il primo si terrà a Rovereto il 21 novembre attraverso una pubblica assemblea presso la sala bar dell’area sportiva alle ore 21.00;
il secondo si terrà a Novi il 22 novembre presso la ludotenda nel cortile della scuola d’infanzia attraverso un Consiglio Comunale aperto alla cittadinanza a cui parteciperà l’Assessore Regionale Alfredo Peri (Assessore alla Programmazione territoriale, urbanistica, reti di infrastrutture materiali e immateriali, mobilità, logistica e trasporti), sempre alle ore 21.00.
Informare i cittadini in questo momento è per noi particolarmente importante” spiega il Sindaco Luisa Turci “l’uscita di ordinanze commissariali di grande impatto sui cittadini, la riattivazione di alcuni servizi comunali, la riapertura delle scuole, i diversi interventi di ripristino e messa in sicurezza effettuati all’interno delle zone rosse ed altri interventi di immediata attuazione ci pongono nella condizione di rifare il punto della situazione nei confronti della cittadinanza.
Anche se il periodo di prima emergenza è terminato” continua il Sindaco “in questo momento è fondamentale rimanere vicini ai cittadini supportandoli il più possibile in questa fase, forse meno drammatica ma sicuramente più impegnativa, della ricostruzione. Le iniziative che proponiamo vanno in questa direzione perché è fornendo, nel modo più diretto e trasparente possibile informazioni ed aggiornamenti, che possiamo dare un concreto impulso per aiutare i nostri tre centri così duramente colpiti.

Assemblee pubbliche sul post-sisma e sulla ricostruzione -  (14/11/2012)

L’Amministrazione Comunale organizza due diversi momenti di confronto con i cittadini per fare il punto della situazione sull’emergenza post-sisma e sulla ricostruzione.
Il primo si terrà a Rovereto il 21 novemb“I sismi di maggio hanno messo l’Amministrazione Comunale, La Pro Loco e tutto il mondo associativo in genere nella necessità di rivedere le proprie attività e soprattutto le aeree in cui svolgere le relative iniziative” spiega l’Assessore alla Cultura Marina Rossi “Nonostante questo con inventiva, spirito di collaborazione e soprattutto grazie a nuovi spazi resi agibili o costruiti ex novo, come la Palestra Comunale e alle nuove associazioni nate a seguito degli eventi sismici, siamo in grado di poter offrire alla nostra cittadinanza un Natale ricco di iniziative e momenti culturali”. Si inizia domenica 9 dicembre con le feste per l’inaugurazione della Scuola di Novi e per la Palestra Comunale a cui farà seguito lo spettacolo teatrale “Una botta di vita” della Compagnia “Anna & the Hospitalists” Domenica 16, presso il suggestivo Parco di Villa delle Rose, si terrà la festa di Natale per bambini “Il bosco incantato di Babbo Natale” che prevede spettacoli, installazioni luminose e stand gastronomici. Si prosegue presso la Palestra Comunale lunedì 17 con il concerto “Gospel for Emilia” e venerdì 21 con il tradizionale “Concerto degli Auguri” del Coro delle Mondine. Nel pomeriggio di sabato 22 dicembre a Rovereto e S. Antonio si terranno le feste di Natale con mercatino e canti a cura del Coro degli Alpini accompagnati da ricchi stand gastronomici. Nella stessa data alle 21.00 presso la Palestra Comunale si terrà il concerto natalizio della Filarmonica Novese “Una voce nel vento” per proseguire domenica 23 con i saggi degli allievi della suola di musica. Il programma si conclude in data 6 gennaio presso la Palestra dove si esibirà l’associazione “Aidoru” con i suoi carretti musicali a cura di Emilia Romagna Teatri. Gli studenti della seconda media della scuola di Rovereto sulla Secchia sono stati i primi ospiti dell'ostello di Ameglia, inaugurato nella mattina del 3 ottobre. La struttura, realizzata con fondi messi a disposizione dalla Regione e dal Comune, si trova nel cuore del centro storico e sta accogliendo due classi di ragazzi sino al 13 ottobre in attesa che i moduli prefabbricati che li ospiteranno per tutto l'anno scolastico siano approntati; così questi ragazzi per due settimane vivranno e studieranno ad Ameglia, che li ha accolti in collaborazione con la Protezione civile e il Sistema turistico locale, gestore della struttura. "Prima di lasciare le nostre famiglie - hanno detto gli studenti nel corso della cerimonia - non volevamo venire qua, ora non vogliamo più andare via. Ringraziamo tutti per l'accoglienza ricevuta, dalla comunità di Ameglia agli enti e le istituzioni". Nel corso della cerimonia, alla quale ha preso parte anche il Sindaco di Novi di Modena, Luisa Turci, il commissario della Provincia, Marino Fiasella, ha ricordato la sua visita nell'Emilia devastata dal sisma, a pochi giorni dalle scosse: "In quel frangente sono rimasto molto colpito dal carattere di quelle persone, la solidarietà che offriamo oggi è una cosa più che normale". "Anche noi - ha ricordato il presidente della Regione, Claudio Burlando - abbiamo vissuto momenti drammatici e sapendo che cosa si passa, siamo molto contenti di potervi dimostrare la nostra vicinanza. Era destino che questa struttura si inaugurasse con un evento importante come questo, con i bambini come protagonisti".
Grande soddisfazione per l'inaugurazione con ospiti così graditi ed importanti è stata espressa anche dal sindaco di Ameglia Umberto Galazzo e da Damiano Pinelli, presidente del Sistema turistico locale del Golfo dei Poeti, Val di Magra e Val di Vara. "Sono molto contento di essere finalmente arrivato alla giornata dell'apertura ufficiale. Non è stato facile - ha dichiarato Pinelli - ma in questo periodo ho avuto modo di vedere che la collaborazione può arrivare proprio da tutti. Per il Sistema turistico questo ostello rappresenta la prima di tre strutture di ricettività leggera nelle vicinanze della rete sentieristica provinciale. Siamo al lavoro per aprire le altre due entro l'estate".
L'ostello: Il costo della ristrutturazione della struttura, che sino a trent'anni fa ospitava una scuola materna gestita da suore, è costata circa 1 milione di euro, di cui 700mila forniti dalla Regione e i restanti dal Comune. I lavori sono durati un anno e mezzo e si sono conclusi nel 2010. Oggi l'ostello dispone di 24 posti letto in camere da 2, 4 e 6 posti, tutte dotate di servizi indipendenti. La cucina viene utilizzata anche per un servizio ristorante con entrata indipendente, una soluzione che consente alla struttura di lavorare tutto l'anno.

L’autunno riporta a Novi l’evento FATTO IN ITALIA - (05/11/2012)

Trenta banchi, una sola grande offerta. E’ la ricetta vincente dell’evento FATTO IN ITALIA, che domenica 11 novembre torna ad animare il paese di Novi di Modena dopo i grandi successi delle scorse edizioni, riportando nel comune della Bassa la qualità dei suoi prodotti.
Dalle 8.00 del mattino gli operatori del Consorzio Il Mercato saranno coi i loro banchi presso Via Martiri della Libertà, Via Medaglie d’Oro e Via Gramsci, per fare compagnia ai cittadini di Novi fino ad ora di cena con il loro vasto assortimento merceologico.
Inoltre, all’evento, partecipano anche i Commercianti di Novi che, attraverso l’apertura straordinaria dei propri esercizi e con stand e banchi gastronomici proposti all’interno della zona mercato, allieteranno il passeggio dei partecipanti con proposte interessanti e prodotti tipici.

Gli studenti di due classi della seconda media della scuola di Rovereto sulla Secchia sono stati i primi ospiti dell'ostello di Ameglia - (10/10/2013)

Gli studenti della seconda media della scuola di Rovereto sulla Secchia sono stati i primi ospiti dell'ostello di Ameglia, inaugurato nella mattina del 3 ottobre.
La struttura, realizzata con fondi messi a disposizione dalla Regione e dal Comune, si trova nel cuore del centro storico e sta accogliendo due classi di ragazzi sino al 13 ottobre in attesa che i moduli prefabbricati che li ospiteranno per tutto l'anno scolastico siano approntati; così questi ragazzi per due settimane vivranno e studieranno ad Ameglia, che li ha accolti in collaborazione con la Protezione civile e il Sistema turistico locale, gestore della struttura.
"Prima di lasciare le nostre famiglie - hanno detto gli studenti nel corso della cerimonia - non volevamo venire qua, ora non vogliamo più andare via. Ringraziamo tutti per l'accoglienza ricevuta, dalla comunità di Ameglia agli enti e le istituzioni".
Nel corso della cerimonia, alla quale ha preso parte anche il Sindaco di Novi di Modena, Luisa Turci, il commissario della Provincia, Marino Fiasella, ha ricordato la sua visita nell'Emilia devastata dal sisma, a pochi giorni dalle scosse: "In quel frangente sono rimasto molto colpito dal carattere di quelle persone, la solidarietà che offriamo oggi è una cosa più che normale".
"Anche noi - ha ricordato il presidente della Regione, Claudio Burlando - abbiamo vissuto momenti drammatici e sapendo che cosa si passa, siamo molto contenti di potervi dimostrare la nostra vicinanza. Era destino che questa struttura si inaugurasse con un evento importante come questo, con i bambini come protagonisti".
Grande soddisfazione per l'inaugurazione con ospiti così graditi ed importanti è stata espressa anche dal sindaco di Ameglia Umberto Galazzo e da Damiano Pinelli, presidente del Sistema turistico locale del Golfo dei Poeti, Val di Magra e Val di Vara.
"Sono molto contento di essere finalmente arrivato alla giornata dell'apertura ufficiale. Non è stato facile - ha dichiarato Pinelli - ma in questo periodo ho avuto modo di vedere che la collaborazione può arrivare proprio da tutti. Per il Sistema turistico questo ostello rappresenta la prima di tre strutture di ricettività leggera nelle vicinanze della rete sentieristica provinciale. Siamo al lavoro per aprire le altre due entro l'estate".

L'ostello
Il costo della ristrutturazione della struttura, che sino a trent'anni fa ospitava una scuola materna gestita da suore, è costata circa 1 milione di euro, di cui 700mila forniti dalla Regione e i restanti dal Comune. I lavori sono durati un anno e mezzo e si sono conclusi nel 2010. Oggi l'ostello dispone di 24 posti letto in camere da 2, 4 e 6 posti, tutte dotate di servizi indipendenti. La cucina viene utilizzata anche per un servizio ristorante con entrata indipendente, una soluzione che consente alla struttura di lavorare tutto l'anno.

Fiera di Ottobre - 13 e 14 ottobre -  (09/10/2012)

Riparte anche quest’anno, da sabato 13 a domenica 14 ottobre, la tradizionale “Fera d’Utober”, ormai giunta alla sua ventottesima edizione. Questo evento di cultura, folclore, spettacoli, gastronomia e curiosità, che coinvolge tanti cittadini e membri dell’associazionismo novese, oltre ai tipici stand gastronomici sui prodotti della nostra terra, alle mostre e alle esibizioni delle associazioni prevede, per quest’anno, alcune importanti novità. Innanzitutto la dislocazione della fiera, a seguito dei sismi di maggio, ha subito alcune importanti modifiche rimanendo il più possibile vicino al centro ma disponendosi in maniera diversa rispetto alle passate edizioni. Si parte, nella tardo pomeriggio di sabato 13 con il concerto aperitivo delle “Cagne Pelose” presso Viale Martiri per poi proseguire alle 20.30 con l’esibizione dell’orchestra a fiati dell’Istituto Tonelli presso il Parco della Resistenza.
Si continua domenica 14 con i tradizionali concerti della Filarmonica Novese e della Young Wind Band mentre tra le novità musicali compaiono balletti in costume medioevale, concerti dialettali, canzoni regionali, esibizioni di fisarmonicisti per arrivare al concerto del “Gruppo Padano di Piadena” alle 18.00 presso Parco della Resistenza.
“L'Amministrazione Comunale ringrazia la Proloco Adriano Boccaletti, il Comitato Fera D'Utober e tutte le associazioni e le persone che hanno reso possibile questa manifestazione attraverso il proprio lavoro” spiega il Sindaco Luisa Turci “A quattro mesi dal sisma volersi riappropriare di questi fondamentali momenti di cultura e folklore che caratterizzano la nostra terra, nonostante gli spazi ridotti e i tempi estremamente stringenti, è un modo per reagire alla catastrofe che ha coinvolto tutta la nostra comunità e rappresenta l'unica strada per rimanere ancorati alle nostre radici anche quando i tradizionali punti di riferimento sono scomparsi o crollati. L'impegno e la voglia di ripartire sono fondamentali anche in questi frangenti e danno l'idea della tempra e della forza che i nostri cittadini stanno mettendo in campo per riprendersi tutto quello che il sisma del 20 e quello del 29 ci hanno tolto”.

Precisazioni sulla vicenda legata alla sanzione ricevuta da un cittadino di Rovereto riportata sulla Gazzetta di Modena di Lunedì 8 ottobre -  (08/10/2012)

L’Amministrazione Comunale di Novi di Modena intende fare alcune precisazioni sulla vicenda legata alla sanzione ricevuta dal signor Malavasi Augusto. In primis nell’articolo non compare il fatto che la vendita del signor Malavasi si trova proprio di fronte alla scuola dell’infanzia che attualmente ospita anche parte della scuola elementare: l’occupazione del marciapiede con materassi e atri mobili intralcia il passaggio di alunni e genitori che già si trovano in una condizione disagiata e ai quali dobbiamo garantire la corretta affluenza a scuola. In più specifichiamo che, prima di decidere di elevare la sanzione, i vigili di Novi si sono recati dal signor Malavasi proponendo di ridurre l’area di esposizione in modo da consentire il passaggio degli studenti e hanno invitato lo stesso Malavasi a regolarizzare la sua vendita con una richiesta di occupazione di suolo pubblico. Solo dopo che Malavasi ha rifiutato queste soluzioni, esponendo anche cartelli a dir poco offensivi nei confronti dei Vigili Urbani, che dal giorno del sisma lavorano con dedizione per garantire la sicurezza ai cittadini, si è deciso di procedere.
Ricordiamo che la volontà dell’Amministrazione è quella di sostenere le attività produttive, tant’è che hanno riaperto dopo il sisma decine di esercizi commerciali in casette di legno, container e tende e nessuno ad ora ha lamentato intoppi di tipo burocratico.
Il signor Malavasi deve capire che le regole devono essere uguali per tutti: come hanno fatto tanti commercianti poteva attuare la vendita a casa propria esponendo i mobili nelle aree di sua proprietà senza ostacolare il passaggio degli studenti o di qualsiasi altro cittadino. In conclusione ricordiamo che la volontà dell’amministrazione di essere a fianco dei commercianti è tale che è stato creato un progetto sostenuto dalla Provincia di Roma per un finanziamento di 120.000 euro complessivi agli esercizi che abbiano deciso di aprire dopo il sisma e rimasti esclusi dai finanziamenti regionali.

Iniziativa benefica a favore delle scuole di Novi presso l’ippodromo di Cesena -  (12/09/2012)

Non era il clou della serata dell’ippodromo ‘Savio’ a Cesena, ma poco ci mancava: stiamo parlando della sfida Cesena-Montecatini - Trofeo Betflag, che ha messo a confronto il 14 agosto scorso due squadre di cinque fantini ‘dilettanti’ che hanno ruoli di rilievo nelle due città che ospitano gli ippodromi estivi e che ha avuto anche un fine benefico a favore di Novi di Modena. I proventi delle scommesse sulla corsa sono andate infatti alla ricostruzione delle quattro scuole di Novi di Modena distrutte dal terremoto di maggio.
Da Novi è arrivata una delegazione dell’Avis e una rappresentanza di genitori che nel parterre dell’impianto sportivo hanno spiegato i progetti di ricostruzione e e raccolto fondi offrendo in cambio una maglietta con la scritta ‘Aiom balè a basta’ (Abbiamo già ballato abbastanza). “E’ un progetto importante perché nasce ed è costruito insieme all’intera comunità educante (scuola, famiglia, istituzioni locali) e alla stessa rivolto – dicono i promotori dell’iniziativa - sostenuta dall’Amministrazione Comunale”.
Nel corso della serata ippica sono stati raccolti a favore delle scuole di Novi 2.350 euro che serviranno, insieme ad altre donazioni, a sostenere i progetti didattici e le necessità organizzative dei primi giorni di scuola, oltre all’acquisto di parte dell’arredamento destinato ai moduli in corso di realizzazione.
I promotori dell’iniziativa lanciano pertanto un appello per sollecitare la partecipazione attiva di tutti i genitori, oltre a ringraziare caldamente coloro che, dimostrando fiducia nell’operato, hanno fino ad ora contributo.

Visita del Ministro Andrea Riccardi presso il Comune di Novi di Modena -  (06/09/2012)

Si è svolta in data odierna la Visita del Ministro per l'integrazione e la cooperazione internazionale Andrea Riccardi. Dopo un breve saluto alle Autorità ed alle Associazioni di volontariato sociale, il Ministro si è recato presso la zona rossa di Novi e presso le aree più colpite di Rovereto, accompagnato dal Sindaco Luisa Turci e dall'On. Manuela Ghizzoni. “Ci ha fatto molto piacere incontrare il Ministro Riccardi e potergli esprimere le nostre preoccupazioni e le esigenze di cittadini e imprese,: dopo il sisma la ricostruzione ha bisogno di risorse e della possibilità di vedere accolta la richiesta di proroga dei versamenti delle imposte per coloro che hanno subito danni” spiega il Sindaco Luisa Turci “E’importante che coloro che hanno responsabilità di governo possano prendere visione della pesante situazione che le nostre terre stanno sopportando. Vedere con i propri occhi non solo i danni materiali ma anche le difficoltà che quotidianamente incontriamo, nel gestire e riattivare vecchi e nuovi servizi per la popolazione spero aiuti a chiarire a livello nazionale l’entità della tragedia che ci ha colpiti. La collaborazione tra Regione,Governo e Comuni è indispensabile per la ricostruzione.” “Nelle parole del Ministro Riccardi” continua il Sindaco “abbiamo colto la consapevolezza di quanto è avvenuto e l'impegno del Governo a farsi carico dei problemi e delle urgenze che abbiamo evidenziato, ben sapendo che la ricostruzione dell'Emilia è parte indispensabile della ripresa economica dell'Italia

Copertura wi-fi nel Comune di Novi di Modena -  (04/09/2012)

E’ attiva dalla data odierna la copertura wi-fi in alcune aree del Comune di Novi di Modena, il progetto seguito dall’Amministrazione – Assessorato alla Comunicazione – in collaborazione con Tecnoservizi di Rovereto ha superato la fase di prova della durata di 15 giorni e ad oggi è attivo in via definitiva e totalmente gratuita per gli utenti. “Questo progetto” spiega “l’Assessore alla Comunicazione Gianni Palermo “era già previsto all’interno del programma di legislatura ma gli eventi sismici del 20 e 29 maggio hanno reso più pressante tale intervento. La copertura che al momento stiamo garantendo è su 3 aree che corrispondono al Campo Parrocchiale e l’aera sportiva di Rovereto e alla Zona del Centro Sportivo di Novi. Siamo in attesa di far partire la Copertura anche presso la Piazza di .Antonio e stiamo valutando la copertura anche per altre aree”. “L’esigenza di comunicare, di raccogliere informazioni, di potersi informare ed aggiornare è, dopo gli eventi sismici che ci hanno coinvolto, di fondamentale importanza per tutta la cittadinanza” spiega il Sindaco Luisa Turci “La copertura di queste aree è un segnale di quanto questa Amministrazione creda nel diritto all’informazione ed è nostro auspicio poter, nei prossimi mesi, allargare le aree in cui potersi connettere alla rete wi-fi”.

Precisazioni in merito alla situazione post sisma nel Comune di Novi e alle critiche da parte dei gruppi di opposizione -  (21/08/2012)

Il Sindaco e l'Amministrazione si sono confrontati, dal 20 maggio ad ora, con i capigruppo dell’opposizione in tre differenti momenti, per tenerli aggiornati sull’evoluzione dell’emergenza e sulle attività che la Giunta ha messo in campo per farvi fronte, oltre alla seduta del Consiglio Comunale del 12 luglio u.s. durante il quale il tema del terremoto ha avuto ampio spazio. Le strategie e le modalità con cui i Capigruppo hanno riferito le informazioni ai propri organi di partito o di lista,  non competono alla maggioranza che governa il Comune.
Da ciò che è apparso sui quotidiani, pare evidente uno scollamento all'interno dei gruppi di opposizione.
“Un passaggio sul tema della comunicazione e delle risposte ai cittadini” interviene il Sindaco “ Tre volte alla settimana usciamo con bollettini informativi che riportano indicazioni importanti e notizie generali sull’evoluzione dell’emergenza, sia specifiche del nostro Comune, sia relative alle ordinanze del Commissario Delegato Vasco Errani. Tali bollettini sono on line sul sito, stampati in oltre 200 copie e distribuiti dai volontari  in tutto il territorio comunale e sono inviati ad una apposita mailing list di oltre 400 contatti (tra cui gli stessi consiglieri dell’opposizione). Le stesse visite al sito del comune sono passate da circa 5.000 al mese a più di 20.000, segno questo che le informazioni riportate sono utili alla popolazione. Inoltre non dimentichiamo che in tre mesi sono state fatte ben 8 assemblee pubbliche di informazione e aggiornamento per i cittadini. Siamo consapevoli che, ad oggi, non tutte le domande che vengono poste trovano una risposta adeguata: siamo in attesa delle ordinanze commissariali che andranno a delineare in modo approfondito gli aspetti tecnici fondamentali per la ricostruzione. Ricostruire e progettare in modo innovativo, fare rinasce i centri storici, utilizzare le deroghe urbanistiche che il Commissario sta predisponendo per le zone agricole, sono temi  per noi enormemente importanti ma allo stesso tempo e vogliamo che la partecipazione sia ampia e articolata. Siamo convinti, e agiremo in tal senso, che occorra ampliare la collaborazione a più soggetti, sia interni che esterni al Comune, come le nostre Università e attraverso un concorso di idee, per poter ricostruire i nostri centri, non come prima ma meglio di prima. Queste sono le collaborazioni significative e utili di cui il Comune ha bisogno perché l’aspetto importante della collaborazione è chiederla nel momento in cui si è in grado di poter ascoltare il proprio interlocutore, cercando di realizzare le idee che si condividono. Farlo al di fuori di questa fase comporterebbe un confronto ingessato e del tutto sterile"
Sul tema dell’eccessivo accentramento il Sindaco risponde che “alla pari di tutti gli altri Sindaci dei Comuni terremotati la nostra carica comporta la grande responsabilità della sicurezza di tutti i cittadini presenti sul territorio, quindi è indispensabile partecipare e seguire da vicino i passaggi messi in atto per uscire dall’emergenza. Inoltre vorrei ricordare che la Giunta Comunale non è stata sospesa e sia il Vice Sindaco che gli Assessori condividono le scelte che vengono assunte. La straordinarietà e la gravità dell’evento che ci ha colpito non è sfuggita a questa Amministrazione, abbiamo riorganizzato con la nostra Unione  la struttura degli uffici e dei servizi spostando alcuni dipendenti su mansioni diverse da quelle precedenti, nonchè parte dei dipendenti dei servizi dell'Unione a lavorare presso il COC di Novi. La richiesta di poter assumere personale a tempo determinato da parte dei Comuni terremotati in deroga alle disposizioni vigenti era ed è una necessità e solo con l'ultimo provvedimento del governo questo è stato autorizzato, seppure in misura ancora insufficiente. Il tema degli aiuti di personale, delle deleghe, delle nuove assunzioni è perciò tanto pressante per noi quanto lo è l’aspetto della riorganizzazione degli spazi e degli uffici per poter impiegare in maniera efficace il personale del Comune e tutti coloro che ci verranno in aiuto."
Come più volte e in diverse occasioni l'Amministrazione ha ribadito, il coinvolgimento dei cittadini e delle loro rappresentanze è un punto di assoluto valore che verrà perseguito, nella piena consapevolezza che per la ricostruzione di un territorio occorre il contributo di tutti, valorizzando il ruolo e l'apporto che ogni soggetto dovrà o potrà dare.

Comunicazione composizione nuova Giunta con relative deleghe - (17/05/2012)
 
Esprimo soddisfazione per la composizione della mia giunta, abbiamo onorato l’impegno che ci eravamo assunti in campagna elettorale di investire sul capitale umano e sul futuro con i giovani. Una giunta che esprime novità, una dose necessaria di esperienza, parità di genere, rappresentanza territoriale all’interno del Comune, la competenza e la passione indispensabili per lavorare responsabilmente con i cittadini e per la nostra comunità.
Questa la dichiarazione del Sindaco Luisa Turci alla presentazione della Giunta.
Luisa Turci: Sindaco con delega al territorio, infrastrutture, politiche per l’economia ed il lavoro, pari opportunità.
Italio Malagola: Vicesindaco ed Assessore ai lavori pubblici, ambiente, semplificazione amministrativa e promozione attività fisica e sportiva per la salute ed il benessere.
Giulia Olivetti: Assessore al bilancio, tributi, personale e polizia municipale.
Dario Zenoni: Assessore alle politiche sociali e alle politiche giovanili.
Marina Rossi: Assessore alle politiche educative e scolastiche e alle politiche culturali
Gianni Palermo: Assessore alle politiche per la coesione sociale, l’integrazione, la partecipazione, la comunicazione ed al progetto Ri-cominciamo dai bambini”.
 
25 aprile: nessuna delibera incostituzionale - (24/04/2012)
 
In merito alla polemica di incostituzionalità sollevata dal Candidato a Sindaco Roberto Guerra in riferimento alla delibera n°15, con cui l’Amministrazione ha normato il rilascio delle autorizzazioni temporanee per l’occupazione di suolo pubblico finalizzate all’attività di propaganda, siamo a specificare che il divieto di effettuare campagna elettorale fa riferimento solo agli spazi aperti e non a tutti gli spazi comunali. Inoltre, tale ordinanza, trova ispirazione nella condivisione dei principi di coesione, democrazia e civiltà che stanno alla base di questa importante celebrazione, il 25 Aprile, che non è legata a nessun partito ma è di tutto il popolo italiano, al di là di ogni appartenenza politica.
Ma ancor di più sorprende e amareggia continua il Sindaco Luisa Turci la polemica in riferimento al relatore che quest’anno parlerà durante la cerimonia prevista.. Da 67 anni sul palco delle celebrazioni si sono avvicendati oratori politici appartenenti alle istituzioni, non certo figure di avanspettacolo, perché il 25 aprile è una festa civile che ha naturalmente anche un valore politico fondante. Il relatore di quest’anno non è nella veste di dirigente di partito ma come parlamentare rappresentante delle istituzioni, tra l’altro di alto profilo. Pierluigi Castagnetti, che nella passata legislatura è stato Vicepresidente vicario della Camera dei Deputati, oggi è inoltre Presidente della Giunta per le autorizzazioni a procedere della Camera. Credo che chiunque abbia a cuore veramente il valore del 25 aprile – conclude Turci – non debba usare tale data fondante della nostra democrazia come arma di polemica elettorale.
 
Celebrazioni in occasione della Festa della Liberazione - (16/04/2012)
 
Particolarmente articolato e variegato è il programma delle celebrazioni che quest’anno verranno promosse sul territorio del Comune di Novi di Modena.
Si parte nella mattinata di domenica 22 aprile con la tradizionale deposizione di fiori sui Cippi dei Caduti da parte dei partigiani dell’ANPI e del Sindaco, per continuare alle 17.00 presso la Sala Civica Ferraresi con lo spettacolo di narrazione “Era qui, qui e oggi”, esito del laboratorio “Ri-pensare la memoria” promosso dall’ Istituto Comprensivo a cura degli alunni delle classi terze. Dopo un intervento dell’ANPI, chiuderà la manifestazione il concerto della band “41016”.
Per mercoledì 25 aprile è previsto il classico corteo, accompagnato dalla “Società Filarmonica Novese” per la deposizione floreale al Monumento dei Caduti, che si concluderà con l’intervento del Sindaco Luisa Turci e dell’On. Pierluigi Castagnetti presso il Parco della resistenza di Novi di Modena.
Il progetto, elaborato dall’Istituto Comprensivo in collaborazione con ANPI e Comune, è frutto di una consapevolezza chiara e precisa: il tema della resistenza è un argomento attuale soprattutto per le nuove generazioni: per saldare le nostre radici alle nostre ali.
 

Patto dei Sindaci – Forum di approfondimento - (16/04/2012)

Il Comune di Novi di Modena, aderendo al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors), si è assunto l’impegno di contribuire agli obiettivi di sostenibilità energetica fissati dal Consiglio europeo per il 2020 ed a tal proposito ha fissato un primo Forum di approfondimento del Piano di azione previsto per giovedì 19 aprile 2012 alle ore 20.30 presso la Sala Civica E.Ferraresi.

Tale piano viene costruito partendo in primo luogo dall’analisi dei consumi pubblici e privati, prevedendo l’evoluzione dei consumi e programmando azioni coerenti con gli obiettivi di risparmio energetico, di riduzione delle emissioni in atmosfera e di aumento della produzione di energia da fonti rinnovabili.
In questo percorso, a partire da quest’anno, il Comune di Novi di Modena, con il supporto tecnico di AESS (l’Agenzia per l’energia e lo sviluppo sostenibile di Modena), dovrà cercare di coinvolgere tutta la comunità novese in un confronto indispensabile per la definizione di tali obiettivi e per il loro raggiungimento.
“L’incontro in programma” ribadisce l’Assessore all’Ambiente Stefania Contri “nella convinzione che ogni contributo della nostra comunità sia prezioso, è stato programmato con l’obiettivo di offrire a tutti i partecipanti l’occasione di segnalare obiettivi e priorità del progetto, di proporre e di condividere azioni concrete da realizzare a breve/medio termine”.

Retrospettiva sul Pittore Adriano Boccaletti - (06/04/2013)

A 10 anni dalla sua scomparsa ed in occasione dell’intitolazione della Pro Loco a suo nome, dal 14 al 29 aprile, nelle due sale civiche del Comune di Novi di Modena, si terrà una mostra retrospettiva delle opere di Adriano Boccaletti chiamata “Con gli occhi di Adriano”, per ricordarlo con chi lo ha conosciuto e presentarlo a chi non ha mai ammirato i suoi lavori.
L’evento, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi, è organizzato dal Circolo Culturale Vittorio Lugli con il patrocinio della Pro Loco e del Comune.
Orari, giorni di apertura e serate con videoproiezioni possono essere scaricati dal sito del Comune o della Proloco.

Corso di alfabetizzazione a Novi - (26/03/2012)

Da lunedì 26 marzo sono aperte le iscrizioni per un nuovo corso di alfabetizzazione proposto dal Comune di Novi di Modena per il periodo che va da aprile a giugno. Tale progetto, fortemente voluto dall’Amministrazione e gestito come in passato dalla Cooperativa “Il Mantello” di Carpi, darà la possibilità a circa una ventina di stranieri di ricevere le nozioni necessarie per poter iniziare a scrivere ed esprimersi in italiano.
“Questi corsi non sono i primi che andiamo a promuovere” afferma il Sindaco Luisa Turci “Già da diversi anni, in collaborazione prima con alcune associazioni di volontariato e poi con la Cooperativa “Il Mantello”, stiamo promuovendo, con riscontri più che positivi, dai tre ai quattro corsi all’anno”.
“La novità di quello che sta per partire rispetto agli ultimi proposti” continua il Sindaco “consiste nella scelta della fascia oraria che anziché serale sarà mattutina. La speranza è quella di poter coinvolgere ancora di più rispetto al passato le donne straniere nel processo non solo di pura conoscenza linguistica ma anche nell’apprendimento delle principali regole di educazione civica”.

Cancellazione anagrafica dei cittadini - (07/03/2012)

In questi giorni stanno giungendo a completamento le attività di verifica, iniziate nell’autunno del 2010 da parte dell’Ufficio Anagrafe del Comune di Novi di Modena e dalla Polizia Municipale delle Terre d’Argine, in merito alla presenza sul territorio comunale di persone per le quali, a vario titolo, è stata segnalata la “non effettiva presenza”.
“La legge anagrafica” spiega il Responsabile dell’Ufficio Anagrafe Raffaele Cappi “prevede che dopo opportuni accertamenti della durata di almeno 12 mesi, le persone per le quali si è accertata la “non presenza” siano cancellate dall’anagrafe della popolazione residente sul territorio comunale. Ad oggi sono stati notificati 48 provvedimenti di cancellazione mentre si stanno concludendo le attività di indagine relative ad altre 200 persone circa. Un ulteriore impulso a questo tipo di intervento verrà dall’imminente conclusione delle verifiche effettuate a seguito del 15° Censimento della Popolazione che, tra l’altro, prevede tempi di intervento ridotti della metà rispetto alle verifiche effettuate d’ufficio”.
“Questo tipo di attività” continua il Sindaco Luisa Turci “è fondamentale per capire realmente come è composta la popolazione del Comune. Ciò che ne risulta è che ad oggi la pressoché totalità delle persone cancellate è di nazionalità straniera, a testimonianza del fatto che le regole e i doveri nei confronti non solo delle autorità ma anche verso gli altri cittadini sono uguali per tutti”.

Iniziativa “Donne, lavoro, welfare" - (05/03/2012)

Venerdì 9 marzo, in occasione della ricorrenza della Festa della Donna, l’Assessorato alle Pari Opportunità delle Terre d’Argine, l’U.D.I. e il Coro delle Mondine di Novi di Modena propongono alle cittadine e ai cittadini un importante momento di approfondimento sul tema del lavoro al femminile con l’iniziativa “Donne, lavoro, Welfare”.
L’iniziativa, che si svolgerà presso la sala civica “E. Ferraresi” presso Piazza I Maggio 19 alle 20.30, prevede l’intervento del Sottosegretario del Ministero del lavoro e delle politiche Sociali Maria Cecilia Guerra e a seguire lo spettacolo del Coro delle Mondine di Novi “Sorelle giardiniere – Le donne del Risorgimento”. Ci si saluterà con un piccolo rinfresco.

Novi, Spirito d’Impresa, per scelta e per passione. L’Amministrazione fa proprie le proposte dei giovani imprenditori - (28/02/2012)

Sono state inserite all’interno del Bilancio 2012 del Comune di Novi di Modena diverse novità in tema di sostegno e semplificazione burocratica per le imprese del territorio, emerse e discusse dall’Amministrazione e dai giovani imprenditori del Comune di Novi di Modena durante gli incontri del progetto “Spirito d’Impresa”.
Innanzitutto tale progetto vuole essere uno strumento in mano sia all’Amministrazione che agli imprenditori al di sotto dei 40 anni per creare un dialogo concreto e aperto alle novità in merito ai temi dello sviluppo e del sostegno per le imprese. A tal fine, dall’inizio dell’anno, si sono svolti due incontri di confronto e di libero scambio di idee, a cui ha partecipato anche la Consigliera Regionale Palma Costi, in cui sono prepotentemente emersi i temi della semplificazione burocratica e della necessità di impegnare risorse al fine di incentivare interventi e azioni finalizzati all’apertura di nuovi esercizi commerciali e di progettare iniziative tese alla rivitalizzazione dei tre centri storici, utilizzando risorse nella direzione di favorire il recupero degli immobili, del cambio di vetrine e di rifacimento dei marciapiedi.
E’ stato così che l’Amministrazione, durante l’ultimo incontro che si è svolto in data 19 febbraio, ha presentato un “pacchetto” di proposte da inserire nel Bilancio 2012, attraverso l’utilizzo di risorse provenienti dal contrasto alla evasione fiscale per la parte di competenza del Comune per complessivi 40.000 euro che cerca di soddisfare, in base alle proprie risorse economiche, strutturali e finanziarie, le richieste e le esigenze emerse nell’ambito del progetto. Sono stati quindi illustrati gli incentivi in conto capitale, per la ristrutturazione di fabbricati all’interno dei centri storici per 35.000 euro, gli incentivi per l’apertura di nuovi esercizi commerciali di vicinato per un totale di 5.000 euro, le semplificazioni regolamentari in tema di impianti pubblicitari, dehor ed edilizia. Anche per l’applicazione dell’IMU, la nuova imposta che sostituisce l’ICI, l’Amministrazione ha previsto l’applicazione della aliquota di base, senza incrementi, per le imprese che utilizzano direttamente i laboratori e i negozi di proprietà delle imprese stesse.
“Le novità che abbiamo inserito nel Bilancio 2012” spiega il Sindaco Luisa Turci “hanno per noi una grande importanza poiché rappresentano non solo un incentivo allo sviluppo del nostro territorio ma anche un modo “sano” di fare politica, un modo concreto con cui ci siamo agganciati alle reali necessità del territorio, riversando sui cittadini i risultati del contrasto alla evasione fiscale e creando opportunità di lavoro e, dopo una discussione pragmatica con i diretti interessati, abbiamo cercato di rispondervi in maniera concreta facendo i conti con un bilancio fortemente segnato da tagli e riduzioni”
“La sensibilità dei giovani imprenditori” continua il Sindaco “sui temi legati al nostro Comune è stata davvero molto alta e ha colto in pieno lo spirito imprenditoriale che ci si aspettava da questi confronti. C’è stata infatti, oltre ad una grande partecipazione, una forte volontà di contribuire a migliorare i luoghi in cui viviamo, ponendo attenzione nella fattibilità delle proposte e nella determinazione nel chiedere meno burocrazia e più opportunità.”
“Inoltre vorrei aggiungere” conclude il Sindaco “che questo progetto non si esaurisce con l’approvazione del Bilancio 2012 ma intende proseguire, mantenendo aperto il dialogo sulle questioni affrontate fino ad ora ed eventualmente ampliandolo a temi più generali, senza però dimenticare di porre al centro della discussione i reali bisogni dei giovani imprenditori e riflettendo con loro su quali risorse occorre mettere in campo per poterli soddisfare”

Risposta alla Consigliera Tania Andreoli in merito alle esternazioni fatte nei confronti della Pro Loco “A. Boccaletti” di Novi di Modena - (27/02/2012)

Gentile Signora Andreoli, in riferimento a quanto apparso sui giornali locali nei giorni scorsi alcuni dei quali hanno riportato una sua esternazione relativa alla Pro Loco Adriano Boccaletti di Novi, credo doveroso, non essendo personalmente interessata a visibilità preelettorali, né tanto meno rappresentante di partito ed in qualità di attuale presidente del succitato Ente, fornire ai cittadini che leggono, le giuste informazioni delle quali lei presumo non sia a conoscenza, o quanto meno ne abbia una visione sommaria e quindi non corretta e facilmente mal interpretabile.
La Pro Loco è nata in sostituzione della Consulta Cultura; la cifra di 18 mila euro da destinarsi alla promozione di eventi culturali ritengo sia veramente il minimo indispensabile a sostenere un settore che necessiterebbe di ben altri aiuti economici, ma questo è un punto di vista di chi crede nella crescita intellettuale degli individui.
Forse lei non conosce gli obiettivi delle Pro Loco che non si limitano al settore turistico e la invito a leggere l’Atto Costitutivo e lo Statuto di cui ci siamo dotati.
E’ motivo di orgoglio l’annoverare tra i soci della Pro Loco un gran numero di Associazioni locali (frazioni comprese) perché è nostro obiettivo poter progettare manifestazioni (non solo la Fiera di Ottobre) congiuntamente, dando il massimo rilievo ad ognuna di esse, salvaguardandone e sostenendone la peculiarità, il patrimonio e soprattutto la passione con cui operano.
In merito alle attività culturali, ricreative, sportive di cui siamo e saremo patrocinatori e promotori, forse non si è accorta di quanto il nostro Comune sia ricco di iniziative, d’altra parte se lei non partecipa a tali attività non può rendersi conto di quanto viene fatto, le dirò solo che si spazia dallo sport alla filosofia, dalla storia alla musica e tanto altro.
Mi piacerebbe poterle elencare tutte la manifestazioni, ma lo spazio è piccolo e preferisco che se ne renda conto di persona.
Vorrei sottolineare che l’autonomia delle Associazioni, oltre ad essere garantita dal nostro Statuto, trova concretizzazione nel fatto che ogni manifestazione è completamente a carico di ognuna di esse, anche se, mi pare ovvio, per determinati progetti sono necessari dei contributi esterni necessari alla loro realizzazione. In questo senso interviene la Pro Loco che, concedendo i finanziamenti alle Associazioni derivati dai contributi messi a disposizione direttamente dal Comune o dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi, riesce a dare al mondo dell’associazionismo novese una spinta fondamentale per poter essere attivo e propositivo; il tutto debitamente circostanziato e documentato oltre che soggetto all’approvazione dell’Assemblea. Le sembra poco?
Infine, semmai vi fosse un sospetto di Pro Loco politicizzata, la informo che alle riunioni di Assemblea e Consiglio Direttivo possono partecipare il Sindaco e l’Assessore alla Cultura, ma senza diritto di voto.
La invito ad una maggiore attenzione a quanto avviene sul territorio ed a verificare personalmente quanto l’impegno di tanti volontari appassionati riesce a realizzare.

Feste di Carnevale 2012 - (06/03/2012)

Domenica 12 e 19 febbraio sono previste rispettivamente nelle piazze di Rovereto e Novi le feste di Carnevale. Intrattenimento, giochi, gastronomia a cura delle associazioni aderenti alla ProLoco “A. Boccaletti” e la musica della Filarmonica Novese faranno da sfondo alla tradizionale sfilata in maschera organizzata dalle rispettive classi dell’Istituto Comprensivo Scolastico per le vie dei due paesi.
Il ritrovo, per entrambe le manifestazioni, è previsto per le ore 14.00 mentre la partenza dei cortei è fissata alle 14.30.
In caso di maltempo le manifestazioni saranno rinviate a Sabato 18 e Domenica 26 febbraio.

Giornata della Memoria 2012 - (23/01/2012)

Venerdì 27 gennaio alle ore 21.00 presso la Sala Civica “E. Ferraresi” si terrà un iniziativa in occasione della giornata della Memoria. Dopo un saluto da parte del Sindaco Luisa Turci e dell’Assessore all’Istruzione Vania Pederzoli, la Dott.ssa Ada Menozzi della Fondazione “Ex Capo Fossoli” introdurrà ed illustrerà la proiezione del “Videodizionario sulla Shoà”.
Katia Durazzi e la Società Filarmonica Novese interverranno con letture e brani musicali.

Comunicato stampa sull’omaggio a Beppe Lodi - (09/01/2012)

La Pro Loco di Novi di Modena, in collaborazione col Comune e con le Associazioni del territorio, ha promosso due serate per rendere omaggio all’artista Giuseppe Lodi, scomparso nel giugno del 2010.
Nelle serate di mercoledì 18 e di mercoledì 25 gennaio, a partire dalle ore 20,30, sarà proiettato in due parti “Un servidor l’è cärna vinduda. Una storia di Novi per voci e immagini”.
Il lavoro, a suo tempo commissionato dalla Biblioteca Comunale di Novi, fu realizzato da Giuseppe Lodi ed Emiliano Stentarelli tra il 1974 e il ’76.
Le due serate avranno luogo presso la Sala civica “E.Ferraresi”, in piazza I Maggio a Novi, con l’introduzione di Dario D’Incerti.

 

 
 

Vai all'inizio della pagina