Viale Vittorio Veneto, 16 - CAP 41016
TEL. + 39 059 6789111 FAX + 39 059 6789290
P.I. e Codice Fiscale 00224020362

Donare gli organi dopo la morte: la scelta potrà essere espressa all'Anagrafe del Comune di Novi di ModenaDal 22 giugno la volontà a donare organi e tessuti dopo la morte si può esprimere all’Anagrafe Comunale in occasione del rilascio o rinnovo della Carta d’identità


Locandina "Una scelta in Comune"Attraverso il progetto “Una scelta in Comune” il Comune di Novi di Modena entra nella lista dei Comuni italiani dove è possibile registrare la propria espressione di volontà sulla donazione di organi e tessuti.

Da lunedì 22 giugno i cittadini del Comune di Novi di Modena potranno esprimere il proprio assenso alla donazione di organi e tessuti al momento del rilascio o del rinnovo della carta d’identità. Pertanto l’interessato, ovviamente maggiorenne, potrà formalizzare tale volontà presso il competente ufficio comunale sottoscrivendo la relativa dichiarazione. L’ufficiale d’anagrafe dovrà riportare l’informazione fornita all’interno della procedura e così, il dato acquisito, verrà inviato telematicamente al sistema informativo dei trapianti; questo ne consentirà l’immediata consultazione da parte dei centri di coordinamento regionali. Tale manifestazione è una facoltà e non un obbligo.

Va inoltre ribadito che all’atto della registrazione della volontà non sarà in alcun modo possibile destinare organi o tessuti ad una persona in particolare, né verrà ritenuta rilevante l’età del donatore, tutti possono essere donatori di organi e tessuti.

Nel caso in cui il cittadino intenda modificare la volontà precedentemente espressa, si dovrà recare presso la ASL di appartenenza oppure, limitatamente al momento del rinnovo del documento d’identità, all’ufficio anagrafe del Comune, ricompilando l’apposito modulo.

“Con questa iniziativa” spiega il Sindaco Luisa Turci “Si intende non solo rendere più semplice e comoda per i cittadini l’espressione di volontà, ma anche stimolare l’attenzione su questo tema così importante e delicato e fare emergere lo spirito di solidarietà e di generosità, troppo spesso inespresso”.

Vai all'inizio della pagina