Viale Vittorio Veneto, 16 - CAP 41016
TEL. + 39 059 6789111 FAX + 39 059 6789290
P.I. e Codice Fiscale 00224020362

Con deliberazione del Consiglio Comunale del 11 luglio 2013, dichiarata immediatamente eseguibile, si è provveduto ad approvare, ai sensi dell’articolo 7 della Legge Regionale n. 16 del 21 dicembre 2012 e degli articoli 3 e 4 dell'Ordinanza del Commissario Delegato n. 60 del 27 maggio 2013, l'individuazione degli aggregati edilizi e la perimetrazione delle unità minime di intervento (UMI), su elaborazione dell’Arch. Carla Ferrari e dell’Ing. Paolo Giovannini.

L’approvazione di questo provvedimento favorisce la possibilità di avviare gli interventi di riparazione, di ripristino con miglioramento sismico, di ricostruzione degli edifici in aggregato edilizio, quindi nelle situazioni più complesse dal punto di vista strutturale perché presentano fabbricati aderenti tra loro. Nel territorio comunale tali aggregati si trovano maggiormente nel centro di Novi e in alcune realtà minori quali le borgate in zona agricola.

Al fine di promuovere l’unitarietà della progettazione, nonché degli interventi, e di aumentare il livello di sicurezza dei fabbricati, i proprietari degli edifici nella stessa UMI dovranno quindi accordarsi per incaricare un unico tecnico responsabile del progetto.

Per favorire tale processo ed in seguito agli incontri svolti con i liberi professionisti, si è provveduto a definire il perimetro delle UMI in modo tale da coinvolgere il minor numero di proprietari, per consentire un intervento più efficace e rapido possibile.

“Siamo soddisfatti del risultato ottenuto con l’approvazione in Consiglio Comunale delle Unità Minime di Intervento, consentiranno ai proprietari degli aggregati di trovare l’accordo utile ad una progettazione unitaria, favorendo quindi la ricostruzione e la riparazione dei danni" spiega il Sindaco Luisa Turci "L’assenza dei gruppi di opposizione in una seduta così importante, dopo la condivisione in Commissione Ambiente e Territorio della proposta delle UMI, ci dispiace e pensiamo che sia una occasione perduta per votare insieme un provvedimento utile per i nostri cittadini danneggiati dal sisma”.

Vai all'inizio della pagina