Viale Vittorio Veneto, 16 - CAP 41016
TEL. + 39 059 6789111 FAX + 39 059 6789290
P.I. e Codice Fiscale 00224020362

Sono diverse le novità, finalizzate a mantenere in equilibrio la salvaguardia del paesaggio agrario e la rigenerazione del patrimonio edilizio.

Dopo la presentazione in Commissione Ambiente e Territorio saranno sottoposte al Consiglio Comunale del 18 dicembre le regole per la ricostruzione di edifici vincolati in territorio rurale, in attesa della revisione delle Norme del Piano regolatore attraverso la stesura del Piano della Ricostruzione.

Una prima opportunità coinvolge gli edifici crollati o demoliti per Ordinanza Sindacale il cui vincolo è decaduto ai sensi di legge pertanto, poiché è consentita la riduzione della sagoma e del volume, tali norme propongono le caratteristiche tipologiche e costruttive da adottare nel progetto di ricostruzione

In riferimento agli edifici gravemente danneggiati di livello E3 (vincolati a Restauro e risanamento conservativo di tipo B e a ristrutturazione edilizia A3) sono consentiti interventi di rinnovo integrale delle strutture tramite demolizione e ricostruzione. La ricostruzione potrà quindi avvenire riproponendo le stesse forme e caratteristiche esteriori dell’edificio originario consentendo la riorganizzazione degli spazi interni sino prevedere (ad es. per i magazzini agricoli) la realizzazione di un unico vano utile consono ad ospitare i macchinari dell’azienda agricola.

Per gli edifici vincolati con livello di danno inferiore all’E3 rimangono consentiti gli interventi di recupero come definiti dalle norme del PRG vigente

“Con tali norme si vuole promuovere una rinnovata fruibilità degli edifici garantendo la permanenza degli operatori agricoli sul territorio preservando, contemporaneamente, la qualità e le caratteristiche degli insediamenti proprie del paesaggio rurale” spiega il Sindaco Luisa Turci “A tal scopo terminerà, presumibilmente entro gennaio, il censimento del danno di tutti gli edifici vincolati finalizzato ad identificare quelli che dovranno essere soggetti a revisione dei vincoli, sia per richiesta dei cittadini, sia per valutazione della Pubblica Amministrazione.”

La bozza di delibera e le norme sono consultabili nell’apposita sezione del sito web comunale “Amministrazione Trasparente”.

Vai all'inizio della pagina